4296 visitatori in 24 ore
 164 visitatori online adesso





Stampa il tuo libro



Luigi Ederle

Sono un poeta modesto. Scrivo per passione, nato a Grezzana di Verona il 06 / 09 / 1945. Premiato una cinquantina di volte. Scrivo in dialetto, in lingua e mi piace molto l'Haiku. Ho scritto un manipolo di commedie in dialetto e una dozzina di testi per canzoni. Ringrazio il sito Scrivere che mi ... (continua)


La sua poesia preferita:
E VERRA' l'ANNO NUOVO
Mi darà notti bianche
sotto tegole infuocate
o gelate o coperte di neve
questo anno che bussa
alla porta del mio...  leggi...

Nell'albo d'oro:
Profumo di sapone
L'alba
ha lasciato il suo posto
al giorno che cupo si fa,
ma il tuo sorriso
appiana la grigia piazza

ed io sono
davanti a te, tutto solo
non cerco la luce sparita,
ma cerco di far mio
il tuo luminoso sguardo

e mi basta, poi
il calore delle...  leggi...

Soto la luna de febrar
Passa i cavai del tenpo
ne la note che freda se fa,
ronpe 'l silensio 'l sospirar
del'amor che no' vol morìr.

La luna de febrar l'è ciara,
la sérca e la spìa i morosi,
la ména a spasso i sogni
e 'ndo...  leggi...

Un raggio di sole
Nel profumo della pizza
seduta al tavolo davanti a me
una ragazzina pallida in viso
era là dolcemente in attesa.

Il suo ragazzo alto e magro
guardava con occhi luminosi
ogni piccolo movimento
che la futura donna faceva.

Una mano piena...  leggi...

Mitica bimba
Con un cartello in mano
bianco candido
ed un pennello sporco
nell'altra mano
se ne va la pittrice
al primo chiaro dell'alba.

I fiori si aprono
al suo lento passo,
la luce si inchina
ad ogni suo sguardo,
le pietre sorridono
l'attendevano da...  leggi...

Tenporài de note
Sbrissia ia la luna
ne la note del vento
pì de mile tenporài
rugolàndome sento

no' so ci làa pàra ia
coela storna lassù,
la me spàca le speranse
e no' le me torna più.

Soto la...  leggi...

Ciao Francesco
Ciao Francesco
mi piace tanto il tuo nome
come mi paciono altri uomini
che hanno portato questo nome.

Hai visto la piazza di Roma?
Era colma di fedeli
e non tutti erano romani.
Noi ti vogliamo come maestro.

Ci aspettiamo da te grandi...  leggi...

Ad un lembo di vento
La mia mente trascina
le forze del corpo
sui gradini della luce
là dove la storia arranca
su passi arditi

e non temo la rottura
del pensiero in rotta
con gli abbagli del bene
e le ombre del male

ad un lembo di vento
soffiato...  leggi...

Spetando l'ano noo
L'aria la s'à fato chièta,
el sol el s'à lavà i oci,
la tera la s'à dato la cipria,
tuti i vol védare 'l butìn.

E l'ano noo l'è lì ch'él spèta,
l'è...  leggi...

L'amico è l'Artista
Se la poesia è quel soffio
che da un silenzio quasi mistico
nasce per catturare con delizia
l'uomo
e portarlo nel suo mondo, dove
ogni uomo è grande.
Allora possiamo dire:
che il poeta è l'amico.

Se la pittura ha il...  leggi...

L'alba del sabato santo
Rampante
la luce mi sveglia,
si allarga nei fori
delle appiccicate persiane,
il viso mi illumina
e mi calcia giù dal letto.
L'amore mi aspetta.
Il bello è nel giardino.
Il divino sta negli occhi
di un bimbo nero
che sua madre
mi...  leggi...

Le donne stanche
Camminano
le donne stanche
sulle consumate anche,
seguono
i rintocchi delle campane,
portano in cuore
ricordi di feste lontane.
Quanto è breve...  leggi...

Lode a Maria
La tua bellezza, o Maria
riempie l'anima mia
di gioie che il mondo non dà.
Figlia attesa nel tempo
gli occhi hai...  leggi...

Fra i giochi del vivere
Fra i giochi del vivere
cammino
su strade infangate
ho i miei piedi
sui sassi sconnessi
la mia pelle si rompe,
ma il mio pensiero
è in Dio Creatore
nella sua Luce
lui riposa
e sempre di più si fa fanciullo
per imparare a creare....  leggi...

La bella della colombara
Cantava la bella della Colombara,
sotto il gelso cantava
per i suoi amanti, amanti
che lei respingeva e non voleva.

Un giorno, tranquillo, un ragazzo
le chiese: "Canta per me."
Passarono uniti sotto il portone
e nella corte, la bella,...  leggi...

Al muro del pianto
al muro del pianto
lì c'era il Cristo
aveva un biglietto
lo teneva in mano
era rosso
come il sole di sera
era verde
come il prato a maggio
era d'oro
come il frumento maturo
era bianco
come il latte di una mamma
era bello quel...  leggi...

Sorrento
Sull'onda di remote musiche
e di antichi suoni
vive un lembo di terra
accarezzata dal mare
e dal sole baciata.
Colma di colorati frutti,
abbonda di sorrisi
nei volti della sua gente.
Lungo le strette strade
si abbevera di storia la...  leggi...

Visita a Capri
Sguardi universali
sull'alba a Capri
si mescolano estasiati
fra i tiepidi raggi
dell'ultimo sole dell'anno.

Sassi pieni di storia
sono presenti ad ogni passo
al sorriso vivo
di maturi visitatori
incantati
dalle naturali bellezze.

Nessun...  leggi...

Una notte d'agosto
Eri nato papà
là dove la terra era ostile,
non ti hanno piegato
né le guerre, né le tempeste
e noi tuoi figli
ti abbiamo incallito le mani.

Una notte d'agosto
te ne sei andato,
parlavi di viti, di biada,
di...  leggi...

Dicono le sere
e gli uomini
alla fine
portano
le loro speranze
diventate...  leggi...

L'ho trovata
là regna la pace
dove si alza il verde
dove l'occhio vede
gli anelli della...  leggi...

Le pietrificate mie conchiglie
Lontano canto stasera sento
nel cielo che spento chiude
l'anima mia nel suo Creatore.
Lente passano ora le ore.

Divago in giorni quando
le mie conchiglie a nuoto
cercavano riva dove ora io
non trovo il bel dormire,

sulla sedia mia...  leggi...

Lasciami dire
Gioca il mio cuore
nei meandri di un vivere
e ti aspetta alla fonte
del nostro donarsi.

Là nel prato a piedi nudi
dove...  leggi...

Luigi Ederle
 Le sue poesie

La sua poesia preferita:
 
E VERRA' l'ANNO NUOVO (30/12/2007)

La prima poesia pubblicata:
 
A Elena (15/02/2006)

L'ultima poesia pubblicata:
 
Vento di Coriandoli (21/01/2018)

Luigi Ederle vi consiglia:
 L'incontro (21/11/2006)
 'l vecio e la luna (21/08/2006)
 Al muro del pianto (16/01/2009)

La poesia più letta:
 
Omaggio alla tua bellezza... (04/01/2008, 40386 letture)

Luigi Ederle ha 22 poesie nell'Albo d'oro.

Leggi la biografia di Luigi Ederle!

Leggi i 78 commenti di Luigi Ederle


Autore del giorno
 il giorno 24/02/2011
 il giorno 14/12/2009
 il giorno 31/07/2009
 il giorno 01/05/2009
 il giorno 11/07/2008
 il giorno 28/03/2008

Seguici su:




Ti piace come scrive poesie Luigi Ederle? Allora clicca su questo pulsante per condividere su Google+.

Cerca la poesia:



Luigi Ederle in rete:
Invia un messaggio privato a Luigi Ederle.


Luigi Ederle pubblica anche nei siti:

RimeScelte.com RimeScelte.com

ParoledelCuore.com ParoledelCuore.com

ErosPoesia.com ErosPoesia.com

DonneModerne.com DonneModerne.com

Aquilonefelice.it AquiloneFelice.it

PortfolioPoetico.com PortfolioPoetico.com




Pubblicità
eBook italiani a € 0,99: ebook pubblicati con la massima cura e messi in vendita con il prezzo minore possibile per renderli accessibile a tutti.
I Ching: consulta gratuitamente il millenario oracolo cinese.
Confessioni: trovare amicizia e amore, annunci e lettere.
Farmaci generici Guida contro le truffe sui farmaci generici.

Xenical per dimagrire in modo sicuro ed efficace.
Glossario informatico: sigle, acronimi e termini informatici, spiegati in modo semplice ma completo, per comprendere libri, manuali, libretti di istruzioni, riviste e recensioni.
Guida eBook: Guida agli eBook ed agli eBook reader. Caratteristiche tecniche, schede ed analisi

L'ebook del giorno

Il Principe

"Il Principe" è un trattato di dottrina politica scritto da Niccolò Machiavelli nel 1513, nel quale espone le (leggi...)
€ 0,99


Questa poesia è pubblicata anche nel sito RimeScelte

Luigi Ederle

Soto la luna de febrar Dialettali
Passa i cavai del tenpo
ne la note che freda se fa,
ronpe 'l silensio 'l sospirar
del'amor che no' vol morìr.

La luna de febrar l'è ciara,
la sérca e la spìa i morosi,
la ména a spasso i sogni
e 'ndo capita la i'é mòla.

E i slonga le ociè i butei,
e mòla 'l cadenasso le mame,
e canta col vento la speransa,
l'amor véro no'l gà distansa.

Dondola 'l cor de la butela,
'l se fa largo fra noe caresse
e su par le strépole séche de i vèci
'l pianta raise, 'l spalanca la porta.

Sora i boschi la luna
na s- cianta la se ferma
e come eterna mama, contenta,
a la so ora, la smorsa 'l lumìn.


Luigi Ederle 05/10/2014 14:48| 2328

Creative Commons LicenseQuesta poesia è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons: è possibile riprodurla, distribuirla, rappresentarla o recitarla in pubblico, a condizione che non venga modificata od in alcun modo alterata, che venga sempre data l'attribuzione all'autore/autrice, e che non vi sia alcuno scopo commerciale.

Nota dell'autore:
«Poesia in dialetto veronese. cadenasso = serratura, strépole = sterpaglie, smorsa = spegne.»


 
La bacheca della poesia:
Non ci sono messaggi in bacheca.

Amazon Prime

Link breve Condividi:


Dialettali
’L Scròca
Ne la vecia casa mia
Salta musséta
Poesia de paese
La vigna da graspìa
Le strade de i filò
Fra quatro sachi de panòce
Belo l’autuno
L’olmo de la fontana
Nassarà fiordalisi
Senteri e pensieri
’L palo
La lissia
La scaessàgna
La piassa de Gressana
El tenpo che ùrta
Le butèle de na òlta le conta
Ventesel
La séra del vespro
Coatro butèle a l’andéma
La donna sabalòta
Omeni strani
La bala da fogo
Te daréa 'l cor
'N sérca de na s- gìnssa
Montàa la séra
Ne la òlta de la vita
La dota
A la fontana de séra
I sorisi de Sago
Al tenpo de l'andéma
Lode al vin de la me gente
'L mére
I montanari
La conpagnia de i farinèi
Catàrse la morosa
Tenpi noi
La balada del caretier
Festa de i omeni
La cauciàra
Sènto la bruma de la séra
S- ciaransàne de sol
Bissa bòe
Sognàimo da bociàsse
Na sgoassà de aqua
Passa la luna
La palànca de me nono
Sbarbatèl
Le me sirése
La pì bona sirésa l'è a Gressana
La séra de le sirése 'n corte
Al marcà de le sirése
Su la strada de le sirése
La festa de le sirése
Na scarselà de sirése robè
Saludàndo la séra
Me piase 'conpagnarte
Tòchi de luna
A la festa de i grii
El sércolo
L'ora del s- cianco
Ne la séra del brèspo
I'à serà la stala
La me pascoa
Primavera
Soto 'l pòrtego
Le butèle de na olta e le so cantade
Feste a Verona
Passa la luna
Coando a la séra
El sabo de la contrà
La bela de la contrà
Morosi su l'atenti
Feste che no' torna
E s'à sentà la suta
La note del pòro pitòco
A ora de nar a nana
Séra
Sere longhe
L'ànara col scataron
Cargo 'l dèrlo
Bona Pascoa
Se cuna la luna
La panàra de la polenta
Na frégola de luna
Assè bela la note
Eco Nadal
Santa Lussia
'Ndo se sbògola i colori
Sentà al presepio
Spetando l'ano noo
Te daréa 'l cor
Vèce speranse
El tenpo che ùrta
Soto la luna de febrar
Torna 'l presepio
Tenporài de note
Serco parole
El fioca
'Na lagrima
Sentéri e pensieri
'Scolteme
Fermo ciaro
Grasie Jacopo Ortis
Sentér
Strade rosse
Spetando l'ano noo
'Na strana orassion
Pianse la séra
Foreste de luce
Credo
Ciacola 'l vento
Ride la luna
La bela ortolana
Ociàde da la luna
Vecio su la tela
Vècia contrà
L'anima de sera
'l vecio e la luna
Libero nel cel

Tutte le poesie





Lo staff del sito
Google
Cerca un autore od una poesia

Accordo/regolamento che regola la pubblicazione sul sito
Le domande più frequenti sulle poesie, i commenti, la redazione...
Guida all'abbinamento di audio o video alle poesie
Pubblicare un libro di poesie
Legge sul Diritto d'autore (633/41) - Domande e risposte sul Diritto d'autore
Se vuoi mandarci suggerimenti, commenti, reclami o richieste: .
Inserite la vostra pubblicità su questo sito: https://adwords.google.com/cues/7505CA70FA846F4C06E88F45546C45D6.cache.png

Copyright © 2018 Scrivere.info Scrivere.info Erospoesia.com Paroledelcuore.com Poesianuova.com Rimescelte.com DonneModerne.com AquiloneFelice.it